Veemenza

GenovaPorto anticoMio amico e nemico.GenovaMare e acquarioBrezza e aria di gennaio.GenovaVento pazzoLeggero e soave sul terrazzo.GenovaDei vicoli buiMaddalena, Prè,I nostri caruggi.Genova alluvionataFango e acqua l’hanno violata.GenovaChe rinasceIl ponte si erge tra mille battaglie.Genova di un’intera vitaMia città infinita.

Poesia e prosa. Poesia in prosa.

24.5.2018 Scrivo per lasciare una traccia delle mie emozioni, di tutte quelle sensazioni taciute dalla mente sempre più esigente che ferisce tagliente il mio cuore ricco di ore e attimi d’amore. La ragione è solo una stagione che passa veloce, non la ascolto, è il cuore che regna sovrano, che ti fa sentire vivo in…

Mai abbastanza

Ho imparato a dare più valore al tempo. A non sprecare neanche un attimo. A dare importanza ai gesti impercettibili, quelli silenziosi e fini che si compiono in un millesimo di secondo. Al tempo che si trascorre con parenti e amici Che spesso non è mai abbastanza E vorresti che le lancette dell’orologio si fermassero…

Prima pubblicazione!

Vorrei condividere con voi questa piccola soddisfazione che mi ha reso molto felice. È indescrivibile l’emozione di leggere il mio nome scritto stampato nero su bianco, ma lo è ancora di più leggere una mia poesia scritta in un particolare momento della mia vita e che mi scuote ogni volta che la rileggo. La poesia, che…

Indietro

A volte si dicono parole che non si pensano davvero, un po’ per provocazione, un po’ per distrazione, ma le conseguenze pesano e magari si potesse tornare indietro nel tempo, in una primavera eterna che ci osserva e resta a terra. 

Lottare

Lotto per qualcosa in cui credo e gli altri moriranno del loro stesso veleno.  

Spine e mirti

Dormi tra una lacrima e una speranza, e questa distanza ti logora ancora. Mi bastava solo un’ora per guardarti e dire “Mi sei mancato da morire”, ma tu sei altrove in un posto chissà dove, estraneo a questa terra che senti stretta. Ma l’albero dell’amore è ancora vivo, seppur tra spine e mirti, rendilo sempreverde…

Sogni

Sogni che esprimono i desideri più veri, che invadono i pensieri più di ieri, più forti di un tuono, questa volta non ti perdono di entrare nel mio sonno profondo, gettarmi nello sconforto negandomi un confronto. Così, violenti la mia anima pura la tua incostanza mi fa paura torna solo per restare, adesso, giura. (Ottobre…

Destino maligno

Destino che hai colto me di sorpresa in un giorno d’aprile, quando gli occhi si incrociarono tra i fiori di quel cortile e a novembre mi sono arresa, sospesa tra le bugie e le verità sempre dette a metà. Diffido della tua sincerità e aspetto con il cuore che si affatica nel petto il momento…

Narciso

Non mi guardare come il sole bacia il mare per poi dimenticare tutto ciò che traspare nei miei occhi. Tu che la mano mi tocchi, ma non sai amare me come io amo te, Narciso oramai ti ha rapito e non riconosco più il tuo viso. Immobile Occhi negli occhi fissi, Mi destabilizzi mi logori…